Recensioni

Jazzpodium sul nuovo CD 10-2023: “Un melange di musica popolare magrebina e jazz europeo era già stato tentato dieci anni fa da Joachim Kühn e Majid Bekkas, e qui si potrebbero citare anche Charles Lloyd e Anouar Brahem dalla Tunisia. Il chitarrista Andreas Brunn fa un ulteriore passo avanti e integra il suonatore di oud marocchino Alaa Zouiten in modo così perfetto nel suo quartetto di jazz fusion urbano For Free Hands che emerge una forma di musica veramente nuova e originale, ben al di là di tutti i tentativi di simbiosi con la world music e di confini di genere troppo stretti. … Nel trasmettere il fuoco, i cinque musicisti Free Hands provenienti da Italia, Bulgaria, Uruguay, Marocco e Germania non accendono deliberatamente una conflagrazione devastante, ma piuttosto mondi sonori sottili, duraturi ed enfatici che rimangono nell’orecchio con un carattere di faro o di punto di riferimento di vasta portata”. Rainer Bratfisch

La rivista Jazzmagazin Jazzthing parla del nuovo CD: “Pezzi ritmicamente sofisticati soddisfano l’orecchio anche dell’ascoltatore più esigente, belle melodie caratterizzano le composizioni. Diversi, colorati, groove, disinvolti – i cinque musicisti provenienti da cinque paesi offrono un jazz urbano e orecchiabile, con una buona dose di ingredienti orientali.” Christoph Giese, Jazz thing 150

jazz-fun.de sul nuovo CD: “In un lavoro ricco di materiale fresco, Andreas Brunn fa uso di un ampio arsenale strumentale. Il risultato è un grande album nella zona di confine tra jazz e fusion con escursioni jazz-rock. Mi piacciono gli agili assoli del chitarrista in interazione con il sassofono, sostenuto dall’oud di Alaa Zouiten. Anche l’appassionato drumming di Diego Piñera aggiunge energia e agilità. Un grande album, siamo entusiasti!”.

Anis Hajjam (Telquel – Casablanca) “Il liutista Alaa Zouiten è uno dei più dotati della sua generazione. Devoto a un’incorporazione musicale riflessiva di molte influenze, contribuisce con una sincerità che si vorrebbe vedere più spesso.”

Aziz Sehmaoui (Parigi) “Alaa Zouiten è un grande lavoratore, un grande musicista. Un conoscitore come raramente se ne incontrano. Il suo amore è parlare e gridare con l’oud. Suona con grande passione”.

Modernícolas : FOR FREE HANDS @ MALAGA JAZZFESTIVAL: “… un nuovo modo di intendere il jazz… Sinergia è la parola per definire questo quartetto berlinese. For Free Hand è sinonimo di jazz contemporaneo. Suoni dissonanti si sono evoluti in splendide melodie che fluttuano su un tappeto ritmico variegato. Questo impressionante quartetto ha affascinato tutti i presenti con la sua musica, che ha unito le culture più diverse. ….” Javier Martínez

Gaildorfer Rundschau: “… Specializzati in ritmi infernali – Esuberante, esuberante e ruggente – così si è presentato il quartetto “For free Hands”. I concetti polimetrici hanno creato una tensione insolita nella musica. Quando le cadenze di chitarra e sassofono si sono mescolate su un ritmo di 13/16 in “Magic Friday”, i musicisti erano nel loro elemento. Il pubblico è rimasto semplicemente sbalordito da “For free Hands”. …”

Kieler Nachrichten: “Andreas Brunn evoca sempre ricordi di John McLaughlin. Il suo modo di suonare e il suo talento compositivo sono enigmatici e di intelligente arguzia; dopo tutto, una fuga jazz come “Wizards’ Cube” non si scrive da sola”.

Westfälische Zeitung “… L’ensemble FOR FREE HANDS, che ruota attorno al noto virtuoso d’archi e compositore Andreas Brunn, ha offerto al pubblico entusiasta un ottimo esempio di jazz contemporaneo con il suo energico modo di suonare. In un vero e proprio “Caleidoscopio della Libertà”, il quartetto ha mostrato la propria visione del mondo, apparendo immagini sonore di ammaliante bellezza. ….”

Braunschweiger Zeitung “… FOR FREE HANDS è un nome programmatico? È libertà di espressione musicale senza limiti? Beh, la musica lo mette in luce. Per esempio “Perpetuum 5″. Inizio lento, tempo crescente. Cambi di accordi molto veloci, ad ogni quarto di battuta, se non all’ottavo. L’assolo di chitarra di Andreas Brunn: nel modo migliore di John Scofield, melodia fluida e rapidi cambi di accordi si fondono. ….”

Lausitzer Rundschau ” … L’ensemble tedesco-bulgaro-greco For Free Hands ha dimostrato nella sua esibizione con Floros Floridis (sax, clarinetto) e Alaa Zouiten (oud) che Occidente e Oriente possono incontrarsi a livello visivo e avere qualcosa da dire, almeno musicalmente. Il leader della band Andreas Brunn ha un debole per i metri dispari e i poliritmi della musica tradizionale bulgara. Magic Friday”, per esempio, è scritta in tempo 13/16. Inoltre, c’è stato un intenso incontro con la musica di Floros Floridis e Alaa Zouiten. I musicisti di For Free Hands e Alaa Zouiten si sono conosciuti durante le esibizioni in Marocco. La Società tedesca sostiene il tour di concerti “Incontri tra Oriente e Occidente”. …” L. Hoberg

Jazzpodium CD Review “… Andreas Brunn è un chitarrista e compositore impegnato, un attivo costruttore di ponti e riconciliatore, e particolarmente affezionato all’Oriente, Bulgaria nota bene. … “Perpetuum five” si presenta come un postbop elettrificato, più avvincente, più angolare, più tagliente, più cattivo, più arrabbiato, più jazziano. È qui che Karparov e Brunn sono particolarmente vivaci e sorprendenti.” Alexander Schmitz